On Air
Le repliche Dal lunedì al venerdì
Home
  • Home
  • News
  • Derby alle spalle. La Lazio espugna Genova

Derby alle spalle. La Lazio espugna Genova

10 Dicembre 2016 News


La Lazio si mette il derby alle spalle e su un campo difficile, contro una Sampdoria in forma, porta a casa  una vittoria importante e meritata.

A Genova finisce 2-1 per gli uomini di Inzaghi grazie alle reti di Milinkovic e di Parolo, nate da due prodezze di Felipe Anderson. Inzaghi chiedeva una reazione ed è stato immediatamente accontentato. La squadra biancoceleste chiude nel migliore dei modi una settimana carica di polemiche e di tensioni, riprendendo il cammino in campionato.

I numeri della Lazio di Inzaghi continuano ad essere estremamente positivi: 7 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta nelle ultime 11 gare. A Genova non era facile. Contro una Sampdoria reduce da quattro successi consecutivi e con il morale sotto i tacchi non era facile ripartire. Inzaghi prova a ritrovare un maggiore equilibrio schierando Lulic alto e riportando Radu esterno. Il bosniaco risponde con una prestazione altamente positiva, soprattutto dal punto di vista difensivo, mettendosi in luce in almeno tre recuperi.

Ma ancora meglio fa Felipe Anderson. Il brasiliano prima toglie dai piedi di Muriel due palloni pericolosi, facendosi apprezzare per la sua abilità difensiva, poi decide di cambiare la partita con i suoi numeri: serve ad Immobile un pallone invitante che il bomber si fa respingere da Puggioni, poi propizia il goal del vantaggio di Milinkovic con una giocata straordinaria; uno scatto da fermo che lascia sul posto Linetty e una palla al bacio che Milinkovic trasforma in rete con uno stacco perentorio. A distanza di quattro minuti il brasiliano regala il bis: uno due con Parolo e servizio millimetrico per il centrocampista che finalmente, dopo sedici turni, riesce a sbloccarsi.

Nella ripresa la Lazio gestisce il risultato, sfiorando il terzo goal. Immobile conferma di non essere in giornata gettando alle ortiche due contropiedi. Strakosha, subentrato all’infortunato Marchetti (terzo stop stagionale) respinge alla grande una punizione dal limite di Quagliarella, poi capitola in pieno recupero sulla botta di Schick. E’ l’ultima emozione della gara.

La Lazio porta a casa una vittoria strameritata. Il derby è il passato, il futuro è tutto da scrivere.

 


Share